Sinergie geologiche per l'ambiente
Regimi idrogeologici:
conoscere per gestire

Sinergeo  gestisce autonomamente una rete di monitoraggio delle acque sotterranee in progressivo potenziamento.
 
La conoscenza delle linee di tendenza dei regimi delle acque sotterranee costituisce un presupposto fondamentale per ottimizzare, in aggiornamento al quadro storico ufficiale, la gestione delle risorse idriche sotterranee. 
 
Nel vicentino, ove si concentrano strutture acquifere di assoluta rilevanza quali-quantitativa a livello regionale, la società dispone di oltre 200 acquisizioni di proprietà attive sul territorio.
 
Il database dei regimi piezometrici e dei rispettivi tracciati termici è sempre più ricco: periodicamente vengono organizzate anche campagne di misura del campo di flusso delle falde, in ordine ad integrare il grado di conoscenza che le stazioni automatiche permettono di conseguire.
 
Sinergeo può contare su serie storiche inedite e validate di durata decennale o superiore. 
 
Anche alla luce delle previsioni di siccità ipotizzate sul medio periodo, l’attività di monitoraggio si configura di rilevanza scientifica e di attualità tecnica per le evidenti ripercussioni geoidrologiche attese. 

Peraltro, impiegando oltre 50 stazioni dotate di moduli per la teletrasmissione dei dati, si è in grado di effettuare verifiche in tempo reale in gran parte del distretto. 
Le misure supportano infine altre iniziative professionali, basate sull’impiego di strumenti  numerici di modellazione previsionale, che notoriamente necessitano di molteplici informazioni per la loro calibrazione.

Nella figura si riporta la distribuzione delle acquisizioni attive nella sola provincia di Vicenza: in colore rosso le sonde con modem GPRS in colore blu quelle di tipo remoto; gli areali in gradazione sfumata indicare le zone a più alta densità di misura automatica e continua.