Sinergie geologiche per l'ambiente
02/11 L'ultimo trimestre in breve:
ricerca, didattica e attività professionale

RICERCA

 


Ancora sul merito del geoscambio a circuito aperto (sistemi acqua-acqua) negli ultimi mesi Sinergeo ha condotto analisi geoidrologiche di fattibilità tecnica per conto del Comune di Vicenza (Basilica Palladiana), Life (Mirano - VE) e di Kerakoll (Zimella - VR)

 

 


Ai primi di aprile del 2011 è stato attivato il sistema di geoscambio a circuito aperto nell'ex area Appiani di Treviso, progettato da Sinergeo in collaborazione con Tifs-Manens Ingegneria.

 

L'impianto, ad oggi asservito alla Cittadella delle Istituzioni, già sede di importanti uffici pubblici, trae alimentazione dalle acque di falda freatica che vengono emunte e restituite nelle medesime condizioni chimiche come previsto dalla legge secondo portate di utilizzo prossime ai 100 l/s.

 

Il contesto idrogeologico locale è monitorato in modalità automatica e contintua da circa 4 anni prima dell'avvio dell'iniziativa: ulteriori acquisizioni strumentali e dati analitii, garantiti da Sinergeo sul medio-lungo termine, consentiranno di valutare la rispondenza della fattispecie ai requisiti previsti dalle normative vigenti.



 Progetto Ricarica - Prosegue anche per il 2011 la collaborazione tra Sinergeo, Provincia di Vicenza e Consorzio di Bonifica Alta Pianura Veneta, per quanto concerne il progetto di ricarica artificiale delle falde intrapreso nel 2009.

 

Seguire il link per:

 


 

DIDATTICA

 

Sinergeo ha partecipato al Master Universitario di Secondo Livello in Caratterizzazione e risanamento di siti contaminati presso l'Università Cà Foscari di Venezia

 Le lezioni, tenute da Pierluigi Bullo, che da circa 20 anni si occupa di tematiche di site assessment, hanno riguardato nel dettaglio le metodologie di campionamento delle matrici ambientali, con riferimento ai più evoluti standard internazionali sul merito.

ATTIVITA' PROFESSIONALE

Sono previste attività di caratterizzazione ambientale, mediante 34 carotaggi, posa di piezometri, indagini di parametrizzazione, monitoraggi, freatimetrie, campionamenti ed analisi chimiche delle acque sotterranee.

L'importo dei lavori assegnati, da concludersi entro 12 mesi dalla firma del disciplinare, è pari a 169.500,00 EUR.


 Il Comune di Treviso incarica Sinergeo delle attività di caratterizzazione ambientale presso l'ex discarica per RSU di via Orsenigo.

L’impianto di stoccaggio, dismesso da oltre 20 anni, è al centro dell’attenzione negli ultimi tempi in relazione a problematiche di contaminazione della falda idrica sotterranea.

 

Le attività geognostiche integrative sono state intraprese nei giorni scorsi secondo il piano operativo preconcordato con il Comune.

 

Le indagini si pongono come obiettivo la verifica dello stato di qualità geoambientale del sito in ordine all'analisi del rischio e ad una valutazione del possibile riutilizzo dell’area nell’ambito  di nuove fruibilità pubbliche.


In data 31.03.2011 l'Amministrazione Provinciale di Vicenza affida a Sinergeo l'incarico per la realizzazione delle reti di monitoraggio per il progetto di ricerca finalizzato alla valutazione del rischio ambientale residuo per le falde idriche sotterranee, riconducibile a discariche dismesse negli anni '80.

 

Il lavoro, che consegue alle indagini concluse nel 2010 a favore della Provincia, riguarda i seguenti siti:

   -   Rivarotta (Bassano del Grappa),

   -   Revelin (Caldogno),

   -   Castellan - Via Prati (Rosà),

   -   Piovesan (Bassano del Grappa),

   -   Boschetto (Cismon del Grappa),

   -   Via Pascoli (Cornedo Vicentino),

   -   Ospedaletto (Vicenza),

   -   Ca' Cornaro (Bassano del Grappa),

   -   Via Ghiare (Caldogno)

 


Segui i link per la rassegna stampa:

 

   -   la tribuna di Treviso 15.04.2011

   -   la tribuna di Treviso 16.04.2011

   -   la tribuna di Treviso 19.04.2011

Progetto Foks -  Nel mese di marzo Sinergeo ha presentato contributi scientifici al work meeting presso il Central Mining Institute di Katowice (Poland), finalizzato alla discussione delle metodologie utilizzate e all'implementazione delle attività di ricerca inserite all'interno del progetto FOKS (Focus on Key Sources of Environmental Risks), finanziato dal programma europeo CENTRAL EUROPE 2007-2013 (www.projectfoks.eu). Negli ultimi mesi sono inoltre proseguite le attività nel sito di Arcade (Provincia di Treviso) interessato da una contaminazione dell'acquifero da solventi clorurati.

 

Nell'inverno 2011 sono state completate le prove "Integral Pumping Test" (IPT), finalizzate alla quantificazione del flusso di massa in acquifero ed lla definizione della distribuzione spaziale dell'inquinante. I test sono stati realizzati su un transetto di 3 pozzi posti a monte del punto di monitoraggio in cui è stata riscontrata inizialmente la contaminazione ed a valle della presunta sorgente. La posizione dei pozzi è stata ponderata sulla base delle indagini disponibili e della caratterizzazione geologica, idrogeologica ed idrochimica, anche con il supporto della modellazione matematica di flusso.

 

I test hanno permesso la determinazione della posizione del plume di contaminazione. La pianificazione e l'interpretazione delle prove IPT è stata effettuata mediante il software MAGIC (MAnagement of Groundwater at Industrially Contaminated areas), finanziato dall'Unione Europea all'interno dell'INTERREG III B CADSES Neighbourhood Programme, verificando in aggiunta i risultati mediante il modello numerico (Modflow, 2000).

 

In base agli esiti è stato possibile circoscrivere l'area di indagine per l'individuazione della sorgente. Nei prossimi mesi si prevede la realizzazione di ulteriori campioni mediante le metodiche del "Multilevel Passive Sampling" e del "Multilevel Low Flow Sampling". I risultati attesi sono la quantificazione della distribuzione verticale della contaminazione da TCE/PCE e del flusso di massa nonché l'implementazione del modello numerico Fate & Transport del sito.